Programma Erasmus+. Sostegno allo sviluppo delle politiche e alla cooperazione
Dicembre 12, 2022
Bandi “EU4Health” dedicati alla lotta al cancro e alle malattie cardiovascolari
Dicembre 12, 2022

Fondo sociale europeo. Invito a presentare proposte “Eures Targeted Mobility Scheme”

Il Targeted Mobility Scheme (TMS) è un programma di mobilità professionale finanziato dall’UE e finalizzato a favorire l’incontro tra datori di lavoro che offrono impieghi difficili da ricoprire e candidati europei qualificati. I gruppi destinatari sono sia le persone in cerca di lavoro di età pari o superiore ai 18 anni, sia i datori di lavoro dell’area UE, della Norvegia o dell’Islanda. Il programma è valido fino al 30 giugno 2024 ed è gestito da una cordata europea guidata da Arbetsförmedlingen (il Servizio Pubblico Svedese per l’Impiego) in partenariato con diversi partner europei.

Sia gli individui che le imprese possono ricevere un sostegno finanziario diretto sotto forma di indennità mirate. I tirocini possono, tra l’altro, avvenire nell’ambito di iniziative transnazionali, iniziative regionali transfrontaliere e/o progetti dedicati a particolari settori.

Nell’ambito del presente bando le organizzazioni richiedenti sono libere di scegliere le attività, i metodi, gli strumenti, ecc. per realizzare la loro azione, a condizione che indichino obiettivi distinti per le misure offerte per i giovani (dai 18 ai 35 anni) e per le persone in cerca di lavoro con più di 35 anni e che rispettino il quadro obbligatorio per la fornitura di assistenza e sostegno finanziario ai gruppi target. Entrambi i gruppi di età (gruppo da 18 a 35 anni e gruppo 35+ anni) devono essere presenti nelle proposte presentate nell’ambito del presente invito, così come devono essere indicati gli obiettivi che si intende raggiungere.

 

L’azione mira a raggiungere i gruppi target di:

  • giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni e
  • di età superiore ai 35 anni, al fine di trovare un lavoro, un tirocinio o un apprendistato in un altro paese dell’UE/SEE;

e ad affrontare gli ostacoli alla mobilità del lavoro quali

  • come i costi di trasferimento all’estero,
  • la (mancanza) di conoscenza delle lingue,
  • l’integrazione dei lavoratori mobili nei paesi di destinazione,
  • i disoccupati di lunga durata e le persone rimaste indietro nel mercato del lavoro, ecc.;
  • alleviare gli squilibri del mercato del lavoro e coprire i posti vacanti difficili da coprire, come individuato negli studi sul mercato del lavoro nazionali/dell’UE o nelle fonti di dati.
× Ciao, Come possiamo aiutarti?